La Biologia delle Credenze.

Restando sempre sul tema di quanto ti avevo raccontato nell’ultimo post (prima di questo) ti propongo un libro davvero “rivoluzionario” (ma allo stesso tempo illuminante, of course) che mi è capitato di leggere qualche anno fa e nel quale ho ritrovato esposte, in modo chiaro e semplice, molte teorie nelle quali credo profondamente e che vengono riprese anche da Lissa Rankin (di cui avevo parlato qui)!

B-Lipton-02La Biologia delle Credenze di Bruce Lipton (che ho personalmente potute conoscere, ascoltare e applaudire a Londra nell’I can do it di Louise Hay del 2011)

B-Lipton-01è un libro che ti consiglio  di leggere, se ne avrai l’occasione. La teoria di Lipton afferma Biologia delle credenzeche “ogni cellula del nostro corpo può essere paragonata a un essere intelligente, dotato di intenzionalità e scopo, in grado di sopravvivere autonomamente, il cui ‘vero’ cervello è costituito dalla membrana“, quindi non più dal nucleo (con relativo DNA) come il pensiero comune da sempre ha affermato. Ne consegue che il comportamento cellulare dipende esclusivamente da quello che esse (le cellule) percepiscono e ricevono dall’ambiente in cui si vengono a trovare, ma, ancora di più, dalla percezione che lo stesso essere umano (formato appunto da cellule) ha dell’ambiente!

Il nostro pensiero diventa il creatore della vita che viviamo, influenzando le stesse cellule in modo profondo, tanto da modificarle in base a questo principio. E cosa ci può essere di più magico e POTENTE di questo?

Namastè!