Una vibrazione da 40.000 Bovis!

Lo scorso week end, tra le altre mille cose, ho assistito a un concerto meraviglioso di un artista che amo tantissimo e che, ispirandosi alla frequenza degli Angeli, ci ha deliziati, tra le altre cose, con il canto dell’OM. Durante la serata una persona esperta ha misurato i livelli energetici raggiunti confermando che erano stati toccati addirittura i 40.000 Bovis – o Angstrom (è un’unità che misura la lunghezza d’onda di colore arancione; una persona in buona salute presenta una frequenza di circa 6500 unità Bovis, mentre quella di una persona malata può crollare anche a meno di 4000. Si usa per misurare il livello vibrazionale di luogi, oggetti, persone e perfino situazioni)!

Gli Yogi spiegano che il mantra “OM” (creato dal suono emesso da questa sillaba) è quello legato all’origine di tutte le cose, e da cui tutto discende. Potremmo definirlo come il seme da cui tutto nasce. Nell’OM è poi racchiusa la potenza di tutti i nomi di Dio, ecco perchè è così utile a cambiare l’energia dell’aura e dei chakra, oltre che degli ambienti, regalando pace e serenità!

E’ proprio per questo che amo questo suono mistico, capace di creare un’atmosfera nuova e di rinnovare l’energia della stanza in cui ci troviamo. Da molto lo utilizzo per ottenere questo risultato e posso assicurarti, che tu ci creda o meno, la realtà cambia se investita da questo suono. Consideralo pure un ottimo strumento di autoguarigione, facilmente utilizzabile nella vita di tutti i giorni.

meditazioni-pratiche-om-yogananda-cdEsistono molti CD grazie a cui immergersi in questo mistico suono, alcuni più belli altri meno (anche se tale “giudizio” è sempre e solo individuale, quindi devi ascoltare tu stesso… e poi decidere) ma se vuoi, puoi provare ad ascoltare e seguire questo CD delle Edizioni Ananda “Meditazione e pratiche con l’OM secondo Yogananda” di Yayadev Jareschky e Peter Treichler. Il primo è un musicista, direttore della Scuola Europea di Ananda Yoga, mentre Peter è un conosciuto vocal coach, autore tra le altre cose di seminari musicali dove utilizza il suono dei flauti, del gong e delle campane tibetane.

Nel CD della durata di 75′ troverai 7 tracce, tra cui: immergiti nel suono dell’OM, canta la scala dei chakra e meditazione sull’OM. Se ti interessa in questo momento è anche venduto sul sito del Giardini dei Libri (a cui mi affido davvero da tantissimi anni per i miei acquisti, non eravamo neppure in piena era digitale!!!) con il 15% di sconto… se vuoi approfittarne!

Namastè!

cd-om-ananda-meditazioni

 

 

La Biologia delle Credenze.

Restando sempre sul tema di quanto ti avevo raccontato nell’ultimo post (prima di questo) ti propongo un libro davvero “rivoluzionario” (ma allo stesso tempo illuminante, of course) che mi è capitato di leggere qualche anno fa e nel quale ho ritrovato esposte, in modo chiaro e semplice, molte teorie nelle quali credo profondamente e che vengono riprese anche da Lissa Rankin (di cui avevo parlato qui)!

B-Lipton-02La Biologia delle Credenze di Bruce Lipton (che ho personalmente potute conoscere, ascoltare e applaudire a Londra nell’I can do it di Louise Hay del 2011)

B-Lipton-01è un libro che ti consiglio  di leggere, se ne avrai l’occasione. La teoria di Lipton afferma Biologia delle credenzeche “ogni cellula del nostro corpo può essere paragonata a un essere intelligente, dotato di intenzionalità e scopo, in grado di sopravvivere autonomamente, il cui ‘vero’ cervello è costituito dalla membrana“, quindi non più dal nucleo (con relativo DNA) come il pensiero comune da sempre ha affermato. Ne consegue che il comportamento cellulare dipende esclusivamente da quello che esse (le cellule) percepiscono e ricevono dall’ambiente in cui si vengono a trovare, ma, ancora di più, dalla percezione che lo stesso essere umano (formato appunto da cellule) ha dell’ambiente!

Il nostro pensiero diventa il creatore della vita che viviamo, influenzando le stesse cellule in modo profondo, tanto da modificarle in base a questo principio. E cosa ci può essere di più magico e POTENTE di questo?

Namastè!

Yoga si, Yoga no…

Fin da quando ero una bambina sono sempre stata molto attratta dall’India e dalla sua cultura. Non so come mai. A casa mia nessuno lo era, quindi non vedevo nè respiravo un’atmosfera che poteva indirizzarmi in tal senso, eppure… Oggi credo che questo amore venga da un posto molto lontano nel passato, ma questa, è un’altra storia! 🙂

Il primo libro che ho acquistato sullo Yoga, all’età di 10 anni, è… vecchissimo! Le immagini sono stile anni ’60 e ora, guardandole, mi viene molto da sorridere, lo ammetto. Però è “consunto” a furia di sfogliarlo, leggerlo e sognarci sopra. Si, è da allora che “sogno” di andare in questa terra così “lontana” e a tutt’oggi non ho ancora realizzato questo sogno (… ma è solo “rimandato” nel tempo!).

Ho conosciuto tantissime persone che vivono lì, altrettante che sono in qualche modo legate a questa cultura. Assieme a una cara amica (grazie di cuore Thea), nonchè insegnante di Yoga, tempo fa avevamo creato un luogo stupendo e magico dove poter tenere conferenze, incontri e seguire corsi, anche su questa disciplina. Grazie a lei ho goduto di quanto lo Yoga ci può regalare: un’equlibrata unione tra corpo, mente e spirito, che come ben sappiamo è alla base del nostro ben-essere!

Giorni fa pensavo che in questo momento mi sarebbe utile riprendere a seguire una qualche attività fisica (soft) e tra le varie opzioni è, ovviamente, uscito il discorso Yoga. Ho ripreso in mano quel libro, ma credo sia ora di aggiornare la mia biblioteca. In giro si trava veramente di tutto, lo sappiamo bene, ma… tra i tanti c’è un testo che mi ha colpita davvero.

Libro-yoga-terapiaIl Grande Libro della YogaTerapia di Remo Rittiner (fondatore del Centro Ayur Yoga di Zurigo, assai competente in materia visto che tiene corsi professionali per insegnanti e terapeuti in Svizzera, Austria, Spagna, Germania e Thailandia. Nel 2004 è stato votato come presidente dell’associazione della Yogaterapia (IAYT) svizzera) e pensavo proprio di riprendere i miei esercizi con il suo aiuto. Non sono ancora riuscita a sfogliarlo da nessuna parte, ma quanto ho trovato nella sua descrizione mi pare assai promettente. Combinando lo yoga tradizionale con molte delle moderne conoscenze anatomiche, ha i seguenti obiettivi:

  • fornire i principi fondamentali per praticare efficacemente questa disciplina;
  • mostrare qual’è potenziale curativo della YogaTerapia;
  • illustrare chiaramente e dettagliatamente gli esercizi, che è,possibile eseguire da soli;
  • presentare tecniche di meditazione utili al benessere;
  • spiegare come utilizzare la saggezza dello yoga nella nostro quotidiano.

La prefazione è redatta da Ruediger Dahlke (autore, specialista e terapeuta che seguo da tantissimi anni e in cui ripongo fiducia totale) che parando dell’autore ci dice: “Remo Rittiner non solo insegna lo yoga, ma lo vive in ogni istante”.

Tu cosa ne pensi? Hai qualche suggerimento da potermi dare?

Namastè!

AGGIORNAMENTO del 12/06/13

E anche questo libro sta arrivando a casa mia, regalato dall’Universo che continuo a ringraziare di tutto cuore!

Guarire con… il Sistema Corpo Specchio.

Martin Brofman Ph.D. è un americano creatore del Sistema di Guarigione Corpo Specchio, sistema che lui stesso ha creato per poter guarire sè stesso da un tumore (tumore che era stato giudicato incurabile!!!) sviluppato quando aveva appena 35 anni. Adesso sono più di 30 anni che diffonde e insegna il suo metodo, tenendo seminari ovunque nel mondo. Proprio per questo ha ideato la Brofman Foundation for the Advancement of Healing, organismo internazionale cui finalità principale è quella di promuovere la guarigione. Ed è sempre lui che forma gli Istruttori Autorizzati, gli unici che possono insegnare il suo metodo e divulgarlo.

Sistema Energetico

Così alcuni anni fa ho deciso, dopo aver letto tutti i suoi ibri disponibili in Italia (“Guarire con il sistema Corpo Specchio” e “Guarisci la tua vista“. Da leggere!!!), di partecipare a uno dei seminari ‘Sistema Corpo Specchio Week End’, esperienza che mi ha fatta molto riflettere su alcuni aspetti della vita, su alcune cose che mi erano accadute e su altre che mi stavano accadendo.

Il seminario si basa su alcuni semplici principi. Il primo e fondamentale afferma che TUTTO nasce dentro di noi, e noi siamo esserei di Energia (ma oramai lo sappiamo bene, vero?)! Finchè quest’energia si muove in modo equilibrato e scorre, noi siamo in perfetta salute. Quando si blocca, appare un sintomo (fisico come una malattia, oppure interiore come ansia, depressione o altri tipi di problematiche di vita). Il che ci porta al secondo pricipio, ossia che tutti i sintomi sono energia bloccata (… e cos’è che dice anche EFT?). Aggiungo solo che quando si blocca, l’energia non lo fa mai in modo casuale. Piuttosto segue sempre una via ben precisa, tanto che è possibile dedurne una sorta di codice che lega ogni sintomo a un preciso messaggio relativo alla tensione interiore che l’ha creato. In altre parole, ogni sintomo diventa un messaggio importante che dobbiamo imparare ad ascoltare!

Per riportare la salute nella nostra esistenza dovremo quindi far sì che l’energia scorra di nuovo, modificando quanto ha creato la tensione e avviando un processo di guarigione spirituale. I nostri pensieri sono quindi i veri creatori e noi possiamo, agendo su questi, portare l’azione fino al livello fisico della nostra esistenza! Il Sistema Corpo Specchio ci aiuta a codificare i messaggi e a capire quali tipi di pensieri hanno dato l’avvio a quanto stiamo vivendo.Sistema Corpo Specchio

Se vuoi saperne di più puoi leggere il libro “Guarire con il Sistema Corpo Specchio” (a me è piaciuto parecchio e ogni tanto me lo risfoglio volentieri) o anche partecipare a un seminario, magari quello di un week end (guarda sul sito ufficiale). Se lo vuoi, il tuo futuro potrà essere MIGLIORE del tuo passato, ma sarai sempre e solo tu a dover prendere la decisione di cambiare!

Namastè!

La medicina dell’Ottimismo.

Sto finendo di leggere un bel libro (ebbne sì, leggo tantissimo, e trovo il tempo perchè non mi “drogo” di TV) scritto dal Dott. Toni Pizzecco, il cui titolo mi ha subito attratta, sono sincera: La Medicina dell’Ottimismo… e non poteva che essere così!

Medicina dell'OttimismoQuesto medico assai particolare, è fulcro e cuore di innumerevoli azioni di solidarietà (anche grazie alla sua associazione “Medici dell’Alto Adice per il Terzo Mondo“) e da anni è impegnato in aiuti umanitari con ottimi risultati, tanto che nel dicembre 2009 gli è stata assegnata l’onorificenza tirolese della Croce al Merito, quale doveroso ringraziamento per il tempo dedicato gratuitamente agli altri nelle zone più bisognose del mondo, dall’india all’Africa.

Il testo è coloratissimo, ricco di illustrazioni e di storielle simpatiche (e questo aiuta molto la nostra mente a memorizzare concetti che vanno ricordati) oltre a essere di facile lettura. Quello che mi è piaciuto tantissimo di questa pubblicazione è… la sua storia.

Il dott. Pizzocco, medico e musicista, consapevole e cosciente del “bombardamento continuo” cui siamo sottoposti tra: nozioni, notizie, immagini e suoni; fatto che diminuisce parecchio la nostra pace interiore e l’energia d’amore, facendo soffrire la nostra anima, la mente, il cuore e ovviamente il fisico, decise anni fa di mettere in forma scritta alcuni concetti utili a far capire ai suoi pazienti come affrontare al meglio la vita quotidiana. Un semplice libro scritto come ausilio per vivere meglio. Utile anche a lui per guadagnare tempo, nel non dover più spiegare le stesse cose di continuo. Ne stampò e produsse, in proprio, solo poche copie, giuste quelle necessarie da distribuire tra i suoi assistiti. Ma…

La sua prima edizione, scritta in tedesco, andò esaurita dopo solo una settimana; la seconda dopo tre; la terza e la quarta dopo due mesi. Diecimila copie vennero vendute in meno di sei mesi! Finché una grande casa editrice lo volle stampare in Germania. Impensabile e straordinario allo stesso tempo! Ma soprattutto, come dice lo stesso medico, “non mi sento più solo al mondo con la mia filosofia e il mio modo di pensare… …Siamo forse in tanti a volere ancora la magia, a cercare il tempo per le cose positive, per l’amore e per le cose belle del mondo.“.

Questo libro affronta il problema del nostro “pensare” e di come sia possibile “comandare” i pensieri, al fine di evitare che questi ci “comandino” (come avviene oggi alla maggior parte delle persone, soprattutto a causa del bombardamento di cui prima). Viene affrontato sotto vari aspetti e sempre in modo chiaro e semplice, il modo in cui opera, anche fisiologicamente, la nostra mente e di conseguenza spiegato e quindi insegnato come sia possibile, volendolo, modificare il nostro modo di pensare, questo per raggiungere o riavere, uno stato di salute maggiore e migliore. I concetti non sono nuovi, ma l’approccio nell’esporli, a mio avviso, è davvero coinvolgente e potrebbe aiutare qualche “scettico” a cambiare idea! Sempre che lo voglia!

Namastè!

La malattia parla al corpo, la visualizzazione al nostro inconscio.

Ogni tanto, girando nelle varie librerie (fisiche oppure on-line), lascio andare la mia fantasia e mi faccio “chiamare” da qualcuno dei volumi che mi circondano. Ho la mia “teoria” a tal proposito e sono certa che se quei testi sono arrivati a me, è sicuramente perchè in quel preciso momento, mi serve conoscere il loro contenuto!

Malattia cerca di guarirmiE’ accaduto così anche per il libro “La malattia cerca di guarirmi” che mi ha attatta e ho subito portato a casa! Mi piace, indubbiamente, ritrovare nei significati che gli vengono affidati, i pensieri che leggo nelle vite delle persone che conosco e scoprire, così, ancora una volta, di quanto il nostro stesso corpo sia “sovraumanamente intelligente”, al punto da dirci letteralmente tutto quello che non va nella nostra vita! Peccato che troppi di noi facciano finta di non sentire…

Come afferma lo stesso autore, il dottor Philippe Dransart (medico omeopata e fitoterapeuta), “Questo libro è stato scritto affinchè chi è nel dolore ritrovi la propria chiave personale, quella che finalmente aprirà loro la porta: la malattia infatti contiene in sè il seme della propria guarigione. Se ascolteremo il corpo, la malattia ci parlerà!“.

E’ notevolmente interessante aprire queste porte/pagine e scoprire, messo nero su bianco, quanto da tempo avevamo in testa! Nella cura di molte malattie, alcune considerate perfino “incurabili” dalla scienza ufficiale, si sono avuti miglioramenti straordinari (arrivando perfino alla guarigione completa) utilizzando tecniche apparentemente semplici eppure altrettanto efficaci.

Una fra queste è sicuramente la visualizzazione (di cui parlerò ancora nei prossimi giorni). Se come me sei particolarmente interessato a questa metodologia, ti invito a leggere, per cominciare, questo articolo della dott.ssa Marcella Danon!

Dulcis in fundo, ti ricordo che, conosciuta la toeria, è solo la pratica e l’applicazione che può dare risultati! Il FARE deve essere il termine sovrano nel nostro quotidiano! Azione, quindi!

Namastè!