Sei stressata/o? … ma fatti un KoBiDo!

Tra le tantissime cose che ho attirato in questo ultimo periodo nella mia vita, da alcuni giorni volevo parlarti del Kobido, o meglio Ko Bi Do, espressione che a grandi linee potrebbe essere tradotta con “Antica Via della Bellezza“, essendo un trattamento a dir poco speciale per esaltare il nostro viso (ma non solo). E’ anche  conosciuto come “Massaggio dell’Eterna Giovinezza” e fa parte della branca della “Anma” (antico sistema tradizionale di massaggio giapponese) parola che significa “pressione” (an) e “frizione” (ma), praticamente potremmo tradurla con “premere e strofinare”. E’ un massaggio antico utilizzato originariamente dai Samurai giapponesi per riallineare il corpo grazie a tecniche energetiche e manipolative che li aiutavano a recuperare equilibrio mentale e fisico, prima di affrontare qualsiasi combattimento.

Schermata 2018-05-15 alle 18.56.09

La sua origine non è certa, e come spesso accade, avvolta nel mistero. Pare sia nato in  Cina attorno al 5000 a.C. arrivando poi in Giappone verso il 400 d.C. dove, nel 1472, l’Imperatrice dell’epoca volle (e ottenne) qualcosa che potesse esaltare e mantenere inalterata la sua bellezza, grazie a un trattamento potenziato rispetto a quanto ideato dai Samurai.

Il suo scopo era, ed è ancora oggi, dare benessere, vigore, armonia e quiete per mantenere inalterata nel tempo energia e bellezza. Per i giapponesi la bellezza è il risultato di un equilibrio che deve esisterete tra mente e corpo, ecco perché questo trattamento investe entrambi questi ambiti.

Il KoBiDo è adatto a donne e uomini con qualsiasi tipo di pelle. Apportando miglioramenti alla salute globale del viso (l’idratazione viene favorita e la tonicità e l’elasticità di viso e collo accresciute) previene le rughe e il rilassamento della pelle. Ma i suoi effetti si manifestano anche ad altri livelli: l’energia vitale viene riequilibrata, aiuta il rilassamento generale e a sentirsi in forma perfetta. Ecco perché il KoBiDo è un vero e proprio trattamento di benessere naturale.

Praticamente si tratta di una sorta di massaggio che prevede l’unione di tecniche differenti che, in combinazione tra di loro, creano un trattamento manuale e profondo di cura di testa, viso e collo. La pelle viene manipolata molto dolcemente, premendola, piegandola, pizzicandola più o meno energicamente, e strofinandola. Grazie a piccole percussioni, sfioramenti lievi e impastanti che procedono lungo le linee dei punti “tsubo” (gli stessi usati dall’agopuntura) permettendo al Ki (o energia vitale) di circolare con maggior facilità.

Che altro aggiungere? Credo che il modo migliore per capire davvero di cosa si tratta, sia quello di provarlo. Cerca se nella tua zona esiste un operatore certificato che applica questa tecnica e regalati questa meravigliosa esperienza, poi se lo vorrai, raccontami cosa ne penserai. Per me è stata una coccola meravigliosa, che spero di ripetere quanto prima.

Namastè!

Annunci

Pulizie di Primavera.

Indubbiamente ci siamo già da un po’ di tempo, la Primavera è arrivata e tu sei riuscita/o a fare le famose pulizie? Ma… in questo momento non intendo quelle fisiche (anche se indubbiamente in questo periodo  un po’ di decluttering o spaceclearing generale non ci starebbe male, se non sai a cosa mi riferisco, prova a rileggere i miei vecchi post qui e qui) ma mi riferisco proprio a quelle interiori, quindi immateriali, tanto per capirci.

Marie Kondo che si occupa del tema, nei suoi libri (non la conosci? Secondo The Times è “riconosciuta come la regina dell’ordine, un baluardo nella guerra contro il caos. Con la sua filosofia del riordino Marie Kondo ci ha rivelato un nuovo modo di essere” puoi leggere qualche anteprima dei suoi libri su Il Giardino dei Libri) grazie alla sua saggezza orientale ci ricorda come, facendo pulizia nello spazio fisico che ci circonda, possiamo arrivare ad ottenere la pulizia mentale cui tanto ambiamo, alleggerendo il nostro stato psicofisico. Insomma, svuotare la casa dal “ciarpame” ci aiuta a svuotare la mente da tutti i pensieri inutili.

Quindi, a cosa mi sto riferendo? Ovviamente a tutto quello che quotidianamente intasa la nostra mente, tutti quei pensieri ridondanti, quelle miriadi di credenze ereditate da chissà chi e chissà quando, insomma a tutta quella “valanga interiore” di idee, pensieri, obblighi di cui sarebbe meglio disfarsi subito e che invece continuano a ronzare nella nostra testa. Che ne dici? Non sarebbe bello liberarsene al più presto e sentirsi leggeri e ariosi?

Accumulare pensieri inutili, esattamente come accade con l’accumulo degli oggetti inutili, appesantisce la nostra esistenza senza motivo. L’unica via per uscirne è quella di “dare aria” e liberarsene. Bene, ma… come procedere?

Inizia con questo semplice breve esercizio: prendi un foglio e segna tutto quello che ti passa per la mente in questo istante, dalla spazzatura che deve essere portata fuori, ai libri che devi rendere in biblioteca, dal sostituire il rotolo di carta igienica in bagno, al bonifico che devi fare per la rata della macchina, e avanti di questo passo. Scrivi tutto senza giudicare quello che stai riportando, lascia andare ogni forma di controllo e semplicemente riporta sulla carta quello che sta affiorando nella tua testa in questo momento. Più velocemente lo farai, più sarà vera e coerente questa stesura. Potesti anche usare una lavagna bianca, di quelle che possano essere cancellate, ma non è indispensabile, un foglio formato A4 andrà benissimo. Fallo per un paio di minuti, non occorre tu ci metta troppo tempo.

Osserva poi quanto hai scritto e valuta, voce per voce, la relativa importanza di quel pensiero. E’ davvero importante? E’ utile? Ha un senso? Serve a qualcosa? …non possiamo fare tutto, né essere ovunque allo stesso tempo, e nonostante il fantomatico “multitasking” di cui tanto sentiamo parlare, non è affatto possibile fare troppe cose contemporaneamente… soprattutto facendole bene. Cancella quindi (con una bella linea sopra) tutte quelle idee che effettivamente non ha senso continuino a ingombrare la tua mente. Quelle che resteranno scrivile nella tua agenda riportandole in un momento in cui sai che avrai il tempo e la possibilità di potertene occupare in modo accurato, e poi scordati di loro! Più semplice a dirsi che a farsi? Bè, intanto provaci e poi ne possiamo riparlare se lo vorrai.

Schermata 2018-04-10 alle 18.37.10Se desideri organizzarti al meglio (sia nella pulizia fisica sia in quella interiore) ti consiglio di usare un quaderno  dedicato oppure un’agenda che ti permetta di tener conto degli obiettivi e dei tuoi progressi. Io amo molto le agende mensili, quelle che mi aiutano ad avere sott’occhio tutta la situazione in un solo istante, come quella che vedi qui a fianco. Carina e super economica, oltre che ecologica e pratica, la puoi acquistare online qui.

Oltre a quanto sopra descritto, resto fermamente convinta che alcuni minuti di meditazione mattutina e altrettanti serali non potranno che aiutare il tuo benessere, fisico e mentale. E non occorre ritirarsi in un monastero per farlo, bastano davvero pochi minuti: la costanza di quei pochi minuti ti ripagherà enormemente per l’impegno che dovrai sostenere, ci puoi scommettere (qui ti ho già spiegato come).

Namastè!

 

 

Le emozioni dentro a un film…

Uno dei passatempi che mi concedo con grande piacere è quello di andare al cinema. Si, so bene che entro breve tempo tutti i film (o quasi) passano in televisione, ma io amo proprio andare in una sala cinematografica, essere lì appositamente per guardare lo spettacolo che ho scelto, essere circondata dai suoni, dalle musiche e dalle immagini che “quello” specifico film mi sta regalando. E’ uno dei modi che uso per vivere al 100% il QUI E ORA, perché sono lì appositamente per quello e mi sconnetto da tutto il resto del mondo.

Solitamente non leggo mai molto sulla trama, mi piace lasciarmi sorprendere e solo dopo, conoscere e valutare. In gioco ci sono emozioni e sensazioni, non ci voglio mettere il cervello, altrimenti la magia decade!

L’ultimo film che ho deciso di seguire è sfato “La forma dell’acqua“, scelta fatta per vari motivi…

Schermata 2018-02-28 alle 17.48.17

Innanzitutto è una storia dove i sentimenti (di vario tipo e natura) la fanno da padroni, sorvolando su un certo “ramo/aspetto” violento e aggressivo (perfino troppo sottolineato e che io non ricerco mai), gli intrecci emotivi, psicologici e relazionali mi hanno stregata. La capacità di Elisa, muta a seguito di un incidente non ben identificato, di “esprimersi e urlare” nonostante tutto a ogni livello umano, è grandiosa; per non parlare del suo modo  totalitario di amare, corrisposta, qualcosa che “umano non è”! Tutto ciò rende i due protagonisti principali unici nelle loro estreme diversità e aberrazioni.

L’acqua non possiede per sua natura una vera e propria forma, ma assume sempre quella del contenitore in cui si trova, a conferma di come le emozioni, la cui culla primaria è l’acqua stessa, siano adattabili e modificabili a seconda delle situazioni vissute. Molte delle scene sono “immerse” (per non dire “sommerse”) da questa grande quantità di liquido amniotico, rendono questo film ricchissimo, emotivamente parlando, ma solo per chi sa percepirle.

Il tempo è un fiume che scorre dal passato…

Non voglio raccontarti nulla, già mi pare di averti detto troppo, ma se vuoi saperne di più non hai che da comprare un biglietto, e gustarti lo spettacolo.

Namastè!

Buddha Doodles…

Qualche anno fa ho “incontrato” sulla mia strada questa ragazza, Molly Hahn Schermata 2018-02-18 alle 20.51.09una ragazza californiana carinissima, che a seguito di eventi non proprio piacevoli, ha indirizzato la sua energia nel disegno, creando questo mondo meraviglioso che potrai ammirare qui, nel sui sito (oppure sulla sua pagina FB), ossia Buddha Doodles. Io vorrei circondarmi dalle sue creazioni, che trovo a dir poco ispiranti…

Buddha_Elefante

Credo che Molly abbia un grande dono, quello di manifestare nel mondo fisico, attraverso i suoi disegni colorati e ispiranti, pensieri profondi e grande amore verso la vita stessa. D’altro canto il suo motto è “Adding love to the world one doodle at a time“.

Sono incantata da quello che crea e amo moltissimo i suoi personaggi, soprattutto il piccolo monaco buddista che utilizza spesso, ma non voglio influenzarti, tu troverai il tuo preferito ne sono certa. Fai un giro sulle sue pagine e te ne innamorerai sicuramente.

Namastè!

Meditare passo dopo passo…

Da qualche anno mi dedico, tempo atmosferico permettendo, a camminare tra boschi, vigne e colline (ti ho postato alcune foto, giusto per farti “tirare la gola” 🙂 ). Grazie alle marce FIASP (Federazione Italiana Amatori Sport Per tutti), che permettono a chiunque di seguirle secondo il proprio passo / allenamento, e a seguito di un piccolo contributo di 3€, ci si iscrive, si è coperti da un’assicurazione, si può seguire un percorso ben segnalato lungo il quale sono previsti (solitamente ogni 5km circa) dei punti di ristoro per reintegrare liquidi, zuccheri e sali minerali (dei veri banchetti, te l’assicuro). Insomma, si può andare alla scoperta di posti sconosciuti partendo anche da soli, in totale sicurezza… se non l’hai mai fatto, prova e capirai!

Schermata 2018-02-11 alle 19.16.44.png

Tutto questo mi permette di osservare il paesaggio che mi circonda, conoscere luoghi  fino a quel momento sconosciuti e ammirare come le stagioni intervengano con i loro colori e profumi, incrementando le mie sensazioni nell’ammirare tutto ciò. Amo davvero molto camminare e lasciar scorrere il tempo in modo fluido, lento e “a misura d’uomo”. Amo respirare e meditare, mentre passo dopo passo avanzo sul percorso scelto (ce ne sono sempre diversi, uno più corto da 5-6km, uno più lungo 12-13km, e alle volte anche da 20km o più). Se lo vuoi, puoi portare con te anche il tuo compagno a 4 zampe; la mia viene sempre e si diverte come fossimo in un parco divertimenti!

C’è chi corre, chi marcia spedito, chi cammina e chi si guarda intorno… il mio passo è spedito, ma cammino soltanto, cammino e medito. Alle volte canto mentalmente qualche mantra, oppure prego, altre semplicemente ringrazio di poter essere lì e vivere quel momento. Quando mi trovo immersa nella natura, come in queste occasioni, mi viene spontaneo sentirmi grata e felice, e scordo qualsiasi negatività possa essersi presentata nella mia vita. Camminare e pensare, ringraziare e meditare diventa un tutt’uno. Questo è il modo  in cui preferisco farlo, raccontami il tuo se lo vuoi.

Namastè!

Magica Superluna Blu di Sangue!

Quando in un mese si presentano due lune piene, la seconda di queste viene detta Luna Blu 💙 (non ha a che vedere con il suo colore), ma quella di oggi sarà in una posizione particolarmente vicina al nostro pianeta (tale da farla apparire più grande)  oltre che accompagnata da un eclissi totale (evento raro) che che la farà apparire rossastra in cielo, da qui la sua definizione in Magica Superluna Blu 💙 di Sangue (la Luna Piena ci sarà alle ore 14:27 ora italiana).

Nell’immaginario collettivo qualcosa che è raro, diventa automaticamente prezioso, ecco perché oggi è una data speciale da utilizzare al meglio, sempre che tu lo desideri 💙.

Schermata 2018-01-30 alle 20.24.06

Tra tutti i consigli e messaggi che ho letto, ti riporto quello di Isabelle Von Fallois, perché mi è piaciuto. Condivido con te questa mia libera traduzione dello stesso, tratta dalla sua pagina FB:

Il messaggio proviene dalla Dea Iside: “Amato, sii cosciente del grande potere di questa meravigliosa Superluna Blu 💙, “tre volte speciale”*. Presta attenzione alle emozioni che affioreranno e che potrebbero far risalire ferite prontamente nascoste dentro di te. Non aver paura! Sarà anche un’ottimo momento per una grande e profonda guarigione 💙. Prenditi tutto il tempo necessario per scendere dentro te stesso e prendere coscienza di quello che vuoi definitivamente lasciare andare. Scrivi tutto su un foglio e chiedi il nostro divino aiuto 💙, dopodiché brucia la pagina e arrenditi al divino.

Auguro a tutti quanti una magica Superluna Blu di Sangue di profonda e totale guarigione.

*La così detta Luna “tre volte speciale” accade quando tre particolari fenomeni accadono contemporaneamente, come in questa giornata: ci sarà  una Luna Blu (la seconda luna piena nello stesso mese), una Super Luna (sarà  in una posizione molto vicina alla Terra nella sua orbita leggermente ellittica) e un’eclissi totale di Luna (chiamata anche Luna di Sangue). Questa è la prima dopo 35 anni, e anche se non visibile in Italia, la sua energia sarà  percepibile ovunque!

Namastè!

 

Partire con il piede giusto.

Ieri, mentre stavo cercando un altro libro, è caduto a terra “Miracoli Subito” di Gabrielle Bernstein (affascinante attivista e scrittrice newyorkese, motival speaker e life coach detta Gabby dai suoi follower), libro che non ricordavo neppure di avere ma che è ricchissimo di spunti e suggerimenti utili. Siccome, lo sai, non credo affatto alle coincidenze, e visto che il libro era rimasto aperto su una determinata pagina, la prima cosa che ho pensato è stata: “Quale messaggio mi sta inviando l’Universo?”… e sono andata a leggere a pag. 118…

Schermata 2018-01-15 alle 21.35.58.png

Cominciare la giornata con il piede giusto.

Già questo titolo poteva essere sufficiente per capire di cosa si trattava. Abbiamo la possibilità di iniziare una nuova vita ogni giorno, se davvero lo vogliamo. Nulla ci obbliga a continuare ad avere sempre gli stessi risultati di ieri o dell’altro ieri. Ma per poterlo fare serve cambiare qualcosa: anche semplicemente scendere dal letto con il piede giusto in senso letterale, ossia quello dominante come afferma un’antica tecnica Kundalini, può portare a un grosso cambiamento.

Come fare per conoscere quale dei due è il piede dominante? Davvero semplicissimo, leggi qui: respira prima solo attraverso la narice destra e poi solo attraverso quella sinistra. Quale delle due narici era la più libera? Ecco fatto! Quello è il tuo lato dominante, e da quello stesso lato troverai anche il tuo piede dominante.

Se poi desideri aumentare esponenzialmente l’energia positiva, aggiungi a questo piccolo gesto una semplice affermazione e il gioco è fatto.

Scendere dal letto ripetendo (mentalmente o ad alta voce, scegli tu) qualcosa di energicamente elevato, positivo e ricco di gratitudine, migliora notevolmente l’andamento della tua giornata. Farlo ogni giorno cambia per sempre la tua vita. Cambiare la tua vita, può rendere differente anche quella delle persone a te vicine. E via di questo passo. Pensaci… e valuta quale cambiamento può creare una cosa così semplice, a partire da oggi e per i prossimi… 5 anni? … 10 anni? … 20? Pensaci…

Namastè!