Io comincio da qui…

Segnati questa data sul calendario! Da domenica 28 maggio 2017, in occasione della giornata mondiale dell’alleanza per l’acqua e per la vita, ovunque tu sia e con chiunque tu ti possa trovare, da casa o da uno qualsiasi dei luoghi magnifici presenti su questo pianeta, dedica alcuni minuti della tua giornata (5, 10 o anche mezz’ora… sentiti libero di scegliere il tempo che desideri) per fare con gioia e amore ciò che ti regala gioia e amore!

Guarda questo video illuminante:

Questo è un modo magico per regalare amore alla vita, e vita all’amore. Puoi fare la stessa identica cosa con l’acqua. Oramai sai bene quanto potente possa essere inviare pensieri, amore e gratitudine all’acqua. Ricordi, vero, che il nostro corpo è formato per circa il 70% da questo preziosissimo liquido? Quindi tutto quello che inviamo all’acqua, lo regaliamo a noi stessi, alla vita stessa (riguardati questo post). L’acqua è il simbolo della vita ed è presente in qualunque essere vivente, umana o animale, di qualsiasi razza e/o religione. Diffondi amore all’acqua, questo piccolo semplice gesto invierà amore a tutta la Terra.

Grazie per essere parte di questo disegno, grazie per aver aiutato la diffusione dell’amore, grazie per esserci. Io comincio da qui… anche tu puoi!

Namastè!

La consapevolezza è il nostro potere.

Buon anno a te, carissimo amico lettore. Si, lo so bene che l’anno è già iniziato da un po’ ma io non ero su queste pagine da un po’ di tempo, quindi essendo la prima volta che ci sentiamo quest’anno, volevo farto gli auguri di un meraviglioso splendido 2017.

A tal proposito come sta andando? Stai creando la tua meravigliosa splendida realtà nel tuo oggi, per un tuo domani ancora migliore? Io sto facendo grandi progressi e soprattutto sto ottenendo risultati ottimi. Per quel che mi riguarda, vedo costantemente quanto possiamo essere potenti e capaci, lo vedo su di me nella mia stessa vita, ma lo vedo in modo ancora più chiaro e netto nella vita di chi mi gira intorno. Anzi, a dire il vero osservarlo sugli altri è diventato un vero e proprio gioco, se devo essere sincera. Oltre al fatto che è molto più semplice ed evidente.

risveglio-spirituale-vita-quotidiana-fosterQuando ci prendiamo la piena responsabilità di tutto quello che ci riguarda e di tutto quello che conseguentemente accade nella nostra esistenza, è allora che diventiamo davvero, estremamente potenti. Un po’ sull’onda di quanto affermano moltissime delle varie teorie uscite in questi ultimi anni (da Ho’oponopono alla LOA, dalla Gratitudine alla pura Consapevolezza) anche Jeff Foster (laureato in Astrofisica a Cambridge nel 2001 che a seguito di un periodo di malattia e depressione, ha intrapreso una lunga e fruttuosa ricerca spirituale durata molti anni) nella sua ultima fatica “Il risveglio spirituale” afferma quanto da molto sto seguendo e apprendendo per comprendere, ma soprattutto per rendere migliore la mia esistenza.

La nostra mente è la grande responsabile di quanto percepiamo essere esterno a noi, e sul quale crediamo, a torto, di non avere alcun influenza, cedendo così facendo la nostra vera potenza a qualcosa che non c’è, non esiste, non può essere governato nè controllato. La vera forza è comprendere questo “gioco” e agire di conseguenza. Se noi siamo i primi e unici artefici di quello che viviamo, allora solo in noi risiede il potere di poter cambiare qualsiasi aspetto della nostra esistenza che non fosse quello che davvero desideriamo. Tutto questo ti pare difficile? Perfino impossibile, se non addirittura una grande sciocchezza? Bene, non metto in dubbio che non sia semplice passare dal “sentirsi vittima predestinata di eventi che ci cascano addosso” a “posso creare qualsiasi cosa desideri, visto che io sono il creatore” non sia affatto semplice. La nostra mente ama muoversi su strade conosciute e consolidate, dove il percorso in sè non implichi spreco inutile di energia. E’ una grande economa nella gestione delle risorse di cui dispone. Se fino a ora è sempre funzionato tutto (bene o male che sia) facendo in questo modo, ma perchè mai oggi dovremmo cambiare investendo così tante energie in un campo ignoto, oscuro e senza alcuna sicurezza di successo? … forse perchè al momento non siamo felici? … forse perchè non ci sentiamo davvero realizzati? … oppure solo perchè sentiamo di non essere quello che potremmo essere?

L’approccio di Jeff mi piace molto, e volendo può essere riassunto con le sue stesse parole “Io insegno una sola e unica cosa: una profonda e impavida accettazione di qualunque cosa accada. Non si tratta di resa passiva o di freddo distacco ma di un affacciarsi al mistero del momento in maniera intelligente e creativa.“. Se la cosa ti incuriosisce e sei, come me, in cerca di risposte nuove, non hai che da leggere il suo libro, sono certa che ti piacerà.

Namastè!

 

La gratitudine è la vera magia!

Se mi leggi da un po’ sai bene quanto io creda nel potere della GRATITUDINE. Ho sperimentato più e più volte quanto possa modificare la mia giornata (… e di conseguenza la mia realtà). E’ successo, e sicuramente sarà capitato pure a te, di vivere periodi più o meno lunghi non proprio meravigliosi… ma questa non è la realtà vera, quella considerata “oggettiva” (… che poi, a pensarci bene davvero, neppure esiste!) ma è la nostra personale percezione di quello che sta accadendo, o meglio, di come noi reagiamo a quello che sta accadendo.

GRAZIE con amore

Sicuramente avrai i tuoi “buoni motivi” per reagire con rabbia, frustrazione, malinconia, indifferenza (… e chi più ne ha più ne metta) a quanto sta accadendo, ma sappi e renditene conto che come reagisci a quello che vivi è davvero una tua personalissima scelta. Anche se le giustificazioni possono essere tante e tutte coerenti e considerate valide, sono in realtà delle scuse belle e buone. Non ti sto accusando. Sto analizzando un modo di pensare che è molto, troppo, diffuso e che ho sperimentato più e più volte pure io, per cui “so bene” di cosa sto… stiamo parlando 🙂 . Se zittisci un attimo il tuo ego e decidi invece di espandere il cuore, ti renderai immediatamente conto che ho ragione, o meglio, che questo punto di vista è corretto (oltre che sano).

GRAZIESecondo quanto affermava il dottor Masaru Emoto (tutto confermato dai suoi studi su come le parole e i pensieri influenzino le particelle dell’acqua, e permettano o meno di ottenere con la congelazione meravigliosi cristalli) la parola “GRAZIE” (e qui a fianco vedi il cristallo che si forma) è una delle più potenti e armoniche esistenti. Aggiungerei poi che questa specifica parola, intendo proprio quella in italiano (lingua musicale per eccellenza) ha una vibrazione davvero potente che può aiutarti a elevare l’energia personale verso uno stato di armonia e benessere.

Il potere e la magia della gratitudineEsistono ovviamente testi “infiniti” su questo specifico argomento e io sono da sempre enormemente grata per questo dono magnifico. Come me, anche Ivan Nossa (giornalista, scritto e traduttore) crede che la gratitudine abbia un potere magico, e infatti il suo ultimo lavoro pubblicato si intitola proprio “Il Potere e la Magia della Gratitudine“! Grazie all’utilizzo cosciente di questa vibrazione potremmo seguire Ivan in questo magico viaggio che modificherà in meglio ogni aspetto della nostra vita. Ti ricordo che essere grati per quello che abbiamo al momento presente, esattamente ora in questo preciso momento, diventa una sorta di potente calamita per attirare nella nostra esistenza ancora più eventi per cui essere grati, in modo da avviare una sorta di circolo virtuoso.

Non ci credi? Bè, cosa aspetti a sperimentarlo? Ti invito semplicemente a provare e poi a decidere. Ogni volta che ti accadrà qualcosa di “apparentemente negativo” prova a concentrare la tua mente – e se riesci anche il cuore – su quello che esiste nella tua vita e per cui potresti davvero essere grato. Pensa semplicemente alla tua giornata. Questa mattina sei riuscito ad alzarti da un letto con le tue gambe? Ma ancor prima, avevi un letto morbido in cui passare la notte? Possiedi una tua stanza da letto? E dopo aver dormito… Possiedi un bagno dove poter fare una doccia calda? E a seguire… hai avuto la possibilità di fare colazione? Era buona? Abbondante? … bene, sappi che già tutto questo  ti fa entrare di diritto tra le persone più ricche viventi in questo mondo. Ci hai mai pensato? Sii grato per tutto e sperimenterai veri miracoli.

Namastè!

Alcalinizzarsi, per vivere meglio!

Non credo alle coincidenze, immagino questo tu ormai lo sappia, e ieri me ne è capitato una davvero “particolare”!

Ho acquistato un e-book sull’alimentazione alcalina (quella che aiuta appunto ad alcalinizzare il nostro organismo per vivere meglio, con maggior energia e salute) che avevo messo nell’elenco dei preferiti da un po’ di tempo e, iniziata la lettura, una pagina mi ha confermato che … era proprio il libro giusto da acquistare per me adesso.

Schermata 07-2457594 alle 13.37.15Laura Wilson nel suo libro “La Dieta Alcalina” racconta che nel 2008 era all’UPW di Anthony Robbins… e anche io ero là! Quell’evento è stato determinante in molti dei cambiamenti che ho effettuato nel periodo immediatamente successivo, e non posso che considerarlo una pietra miliare nella mia esistenza. Bè, sapere che anche questa autrice ha ricevuto molto dallo stesso evento, mi ha fatto “vibrare” dentro qualcosa, confermandomi anche che era giusto leggessi questo testo. Io trovo questo evento meraviglioso, non credi?

Era da un paio di mesi che pensavo a cosa cambiare nella mia quotidianità al fine di ottenere maggior energia e vigore. Con l’inizio del grande caldo poi, ho letteralmente avuto un crollo. Mi sentivo tanto come quella tipa nella pubblicità a cui viene detto: “Bè, despossati!”, hai presente? Bè, desideravo qualcosa che mi potesse aiutare ma… sempre in modo naturale! Mi piace pensare che Madre Natura sia capace di regalarci tutto quello di cui abbiamo bisogno, più di quanto possa fare la moderna industria chimica. Ed ecco che appare questo testo. Coincidenza? Macchè, questo testo era destinato ad arrivarmi e a darmi i messaggi che deve e dovrà darmi (… ancora non l’ho mica finito 😀 ).

Come faccio sempre, quando acquisto un nuovo libro, lo inizio subito e poi valuto se è il momento giusto per continuare o meno. Bè, questo è davvero perfetto per il tempo che sto vivendo.

Ci sono spunti interessanti e utili (ti ricordo che la mia alimentazione è già vegetariana e molto ricca di cibi salutari come: frutta, verdura, cereali integrali, semi …) oltre che facili da adottare. Sicuramente  non lo sarà per quelle persone che sono solite mangiare al fast food, ma ti assicuro che se vuoi cambiare davvero, basta davvero poco. Inizia con una piccola cosa, apparentemente piccola ma che darà risultati meravigliosi nel tempo a venire. Ogni volta che qualcosa di fuori dalla tua comfort zone sarà diventata parte della tua quotidianità, aggiungi qualcos’altro. E così che la nostra vita cambia davvero e nel lungo periodo.

Ti lascio qui in fondo anche il sito ufficiale di Laura, dove potrai trovare un sacco di indicazioni utili e di filmati interessanti. Facci un giretto, se sei anche solo un po’ curioso. Ti auguro tutto il meglio.

Namastè!

Coincidenze? Pfui, non ci credo!

Non credo assolutamente alle coincidenze, per me non esistono né sono mai esistite.

Anche se potrebbe apparire difficile da accettare, nessuno di noi si è mai trovato nel posto sbagliato, nel momento corretto. Qualsiasi cosa accada nelle nostre vite è in qualche modo la risposta a quanto abbiamo chiesto o scelto, seppur talmente tanto tempo fa (… anche in altre epoche!) da non ricordarcene più, ma era pur sempre una nostra richiesta. Sono arrivata a questa “mia certezza” nel corso del tempo, osservando gli eventi accaduti nella mia esistenza, e trovandovi dentro un significato sempre molto più profondo, anche rispetto a quanto avevo seppur inconsciamente pensato.

Schermata 12-2457383 alle 20.12.59.pngDa alcuni giorni mi sono immersa nella lettura di un nuovo libro su questo argomento (“I segni e le coincidenze in amore” di Gian Marco Bragadin) che ovviamente non è arrivato a me per pura coincidenza, anzi! Era già successo almeno altre tre volte che, recatami alla mia solita libreria di fiducia, lo avevo presto in mano, lo avevo aperto e sfogliato, ma in quelle occasioni seppure interessata, non era scattata la scintilla. Quattro giorni fa, invece, qualcosa di diverso è accaduto e sono stata letteralmente chiamata dal libro… solo dopo ho capito perché!

L’ultimo libro pubblicato da Bragadin (ma ce n’è davvero una bella serie interessante da sfogliare e approfondire!) è entrato nella mia esistenza proprio nel momento perfetto per capire e interpretare meglio quanto mi è accaduto. Ora non posso raccontarti tutto quanto, ma sappi che dopo la lettura di queste pagine (soprattutto di eventi accaduti a molti altri lettori e da lui chiariti agli scriventi) alcune cose nebulose del mio passato (recente o remoto che sia) si sono disciolte e mi è apparsa chiara la loro reale portata. La sensazione che ne ho tratta è a dir poco meravigliosa, anche per il senso di leggerezza che mi ha regalato… e che mi auguro possa donare anche a te, se deciderai di incamminarti sulla strada della SegniAnalisi (leggendo il libro potrai capire meglio di cosa si tratta) come lo stesso Gian Marco ama definirla.

Capire il vero significato del Karma, che si apre e si chiude a seconda di quanto consapevolmente agiamo in un senso o nell’altro, è sorprendentemente rinvigorente, e visto il momento che stiamo vivendo, credo sia stato davvero utile ora… e non tempo fa!

Ribadisco, il caso NON esiste e ogni evento che attiriamo e attraversiamo ha un significato importante per noi; ma bisogna saperlo capire, interpretare e assimilare. Alle volte non è facile, ma se chiediamo aiuto (anche agli Angeli, perché no?!) le cose possono diventare più semplici, stanne certo.

Buona visione consapevole, cara Anima in Cammino.

Namastè!

Buon Natale!

Ti auguro un sereno e felice Natale, in compagnia delle persone che più ami e circondato solo da veri affetti. Ti auguro sogni che possano realizzarsi a breve, assieme alla salute per poterne godere a pieno. Ti auguro prosperità sotto ogni punto di vista, e veri amici con cui condividere questo benessere. Ti auguro abbracci per ogni giorno di vita, e parole amorevoli che riempiano i tuoi silenzi tristi. Ti auguro pace nel cuore e nel fisico, e tempo per essere certo della fortuna che hai. E sopra a ogni cosa, ti auguro di essere, piuttosto che di avere… !!!

Buon Natale

Namastè!

Tu camino va a Santiago: y tu… dónde vas?

Come da sempre accade nella mia vita, le cose non arrivano mai <<per caso>> (anche se queste considerazioni spesso mi diventano più chiare DOPO piuttosto che nel momento in cui sto vivendo i fatti)… ma in questo periodo, durante il quale la mia attenzione è particolarmente mirata alla crescita della mia consapevolezza, credo di essere pienamente cosciente di quanto mi sta accadendo.

Il CAMINO

Il Cammino francese (intendo il Cammino di Santiago de Compostela, of course; la foto qui sopra non è mia, ma tratta da qui) è tornato prepotentemente nella mia vita. Premetto di non averlo ancora mai affrontato, ma alcuni anni fa (… erano 10? …forse 13?… o anche qualcuno in più?!) dopo aver vissuto un periodo di gravi problemi di salute (durante il quale la mia vita era stata ri voltata come un calzino) i primi segnali da parte del Cammino erano cominciati ad arrivare, anche in modo piuttosto insistente.

Da allora ho letto, studiato, visto, ammirata e sognato molto su questo lungo percorso, metafora eccellente della vita che quotidianamente viviamo, tanto che se chiudo gli occhi e… immagino, mi pare quasi di averlo già percorso (forse, in altre vite?). So per certo, comunque, che la scelta non è “personale” nel senso che è il Cammino che viene da te, mai il contrario.

Da alcune settimane il suo richiamo è ripreso forte e chiaro. Ma questa volta è diverso. Stavolta è davvero diverso! Adesso ho deciso che tra poco più di 365 giorni (a maggio 2015 partirò da Roncisvalle) io sarò sulla strada verso Santiago! A qualcuno tutto questo tempo potrà sembrare tanto, estremo, esagerato. Per me invece è giusto così. Non ho mai avuto fretta di fare le cose nella vita, men che meno di vivere le “mie avventure”, soprattutto questa che dovrebbe proprio insegnarci maggiormente ad assaporare la lentezza dello spostarsi a piedi, piuttosto che la fretta di raggiungere la meta! Come dico sempre in varie occasioni “io mi godo il viaggio“!

Ovviamente le paure che si affollano nella mente sono già molte (…quella di non farcela, in primis) ma allo stesso tempo, il desiderio di mettere alla prova il mio stato fisico, ma soprattutto quello mentale – psicologico – emotivo è una sensazione vivida che voglio attuare. Mi vengono in mente soprattutto i 200 km delle Mesetas dove è praticamente normale camminare per chilometri e chilometri avendo per compagna solo la propria mente e le sue elucubrazioni (… che magnifica occasione di meditazione!!!). Penso anche agli impedimenti che potrebbe crearmi il mio stato di salute (sempre “precario nel suo equilibrio disallineato”) ma sono certa che gli angeli, che  da sempre mi sono accanto, guideranno ogni mio passo aiutandomi nei momenti difficili.

A metà marzo ho scritto alla Confraternita di San Jacopo di Compostella per richiedere la Credenzial (è il documento che comproverà, attraverso l’applicazioni di moltissimi timbri durante la soste, che questo pellegrinaggio sia stato effettivamente svolto) che mi permetterà poi di ottenere la Compostela, rilasciata dall’Officina del Peregrino presso Santiago, dietro presentazione della credenzial. Dopo neppure due giorni di attesa era già nelle mie mani, segno evidente che ADESSO il tempo è giusto!

Cammino di SantiagoUna mia cara amica mi ha regalato una conchiglia, o cappasanta, raccolta a Finisterre nel 2011, al termine del suo primo cammino francese, omaggiandomi anche con una bellissima calamita del KM 0, ossia la tappa finale (Santiago).

Ebbene, dopo “tanto parlare del mio Cammino, è arrivato il momento di camminare le mie parole… ” come conferma Paolo Indemini nel suo libro Il Cammino di Santiago de Compostela. Così anche io potrò chiedermi: “Tu camino va a Santiago: y tu… dónde vas?” Buen Camino a te e… ULTREYA!

Namastè!